leggiamo le carte da generazioni...

Aromaterapia

#CARTOMANZIACHIAMA LE NOSTRE ESPERTE 899 48 45 40

oppure con carta di credito chiama,

075.630.85.06 o 02.94.44.75.15

L’Aromaterapia rappresenta una forma sempre più popolare ed accessibile di cura, basata sull’impiego di olii essenziali, sostanze volatili e fortemente odoranti delle piante, che sono contenuti in strutture specifiche all’interno di vari organi della pianta, ed estratti tramite distillazione. Il termine “aromaterapia” non identifica esclusivamente l’utilizzo olfattivo degli olii essenziali, ma comprende tutte le applicazioni: topica (massaggi, impacchi, applicazioni), inalatoria e orale. Nella civiltà occidentale, l’Aromaterapia rientra nella categoria delle “medicine alternative”, anche se testimonianze dell’utilizzo degli estratti oleosi delle piante risalgono ad almeno quattromila anni or sono. Come quasi tutte le medicine alternative, l’Aromaterapia ha una visione olistica dell’essere umano,cioè  tende ad agire come un riequilibratore dell’intero essere e non si dedica semplicemente alla cura del sintomo specifico, ma agisce sulle tre dimensioni dell’uomo: Energetica, Mentale e Fisica.

Le piante aromatiche sono sempre state importanti in tutte le culture umane. Già nei primi testi sumerici (IV-V millennio a.C.) si trattava di resine, spezie, incensi ed olii grassi infusi da piante aromatiche. Anche se la teoria e la pratica della distillazione erano conosciute in ambito arabo intorno al 1000 d.C., l’utilizzo a scopo terapeutico degli olii essenziali è molto più recente. Fu solo nell’alto Medioevo che la tecnica di distillazione fu applicata agli olii essenziali, anche se, con molta probabilità, la teoria e la pratica della distillazione erano conosciute nel mondo arabo già intorno al 1000 d.C. Nel XX secolo il chimico francese René Maurice Gattefossé, con i suoi studi sulle proprietà medicinali dell’essenza di lavanda, contribuì alla rinascita dell’interesse per i trattamenti. Al chimico francese Gattefosse viene attribuita l’invenzione del termine “aromaterapia”, mentre la prima opera riconosciuta di questa disciplina, intitolata Aromathérapie, si deve al medico francese Jean Valnet, che pubblicò l’opera nel 1964.

.Gli olii essenziali regalano energia e lucidità, curano la pelle e fanno bene al corpo e allo spirito. Uno dei punti forti dell’aromaterapia, e che ne determina l’alto livello di gradimento da parte del pubblico, è che rifiuta qualsiasi tipo di prodotto sintetico, rientrando così nel gruppo dei trattamenti omeopatici per la salute. Essenze riprodotte chimicamente in laboratorio, infatti, generano una miscela solo apparentemente uguale all’originale, come dimostrato dal confronto tra l’attività di sostanze naturali e sintetiche. Le specie botaniche più ricche di olii essenziali si distribuiscono prevalentemente in zone calde e assolate, infatti un fattore particolarmente importante riguarda le caratteristiche di fotoesposizione e, quindi, di luce e di calore.

Lo studio dell’anatomia e della fisiologia rappresenta un elemento imprescindibile della specializzazione in aromaterapia. Dopo un’anamnesi completa, esplorando i sintomi mentali, emotivi e fisici di una persona, l’aromaterapeuta sceglierà quel singolo olio, o quella miscela di olii, che con maggiore probabilità si adatta al paziente. L’aromaterapia è un trattamento olistico: l’esperto cercherà quindi di migliorare la salute complessiva del paziente, piuttosto che curare la sintomatologia specifica. Per questa ragione l’aromaterapeuta dedicherà parecchio tempo alla consultazione iniziale, esplorando lo stile di vita generale, l’alimentazione, l’esercizio fisico, le abitudini relative al sonno e la qualità di esso.

Gli oli prescelti si applicano sulla pelle con un massaggio aromatico, oppure si usano per inalazioni, o ancora vengono dati al paziente per un uso domestico. A differenza degli altri sensi, le stimolazioni olfattive sono le sole a passare direttamente nella corteccia cerebrale, senza essere filtrate dal centro recettore del ‘talamo’ per un’analisi preliminare. Le molecole aromatiche che si diffondono nell’aria raggiungono la parte superiore delle cavità nasali.
Le cellule olfattive, una volta sollecitate dalle molecole aromatiche, trasformano lo stimolo chimico in impulsi elettrici, che a loro volta stimolano i centri deputati all’odorato.

Attraverso la percezione degli odori, l’aromaterapia coinvolge l’emotività, la memoria, la sensibilità e tutte le aree cognitive correlate, oltre al sistema endocrino e quello immunitario. E’ curioso ricordare che l’anosmia (incapacità di percepire gli odori) determina un abbassamento delle difese immunitarie ed è in relazione con alcuni tipi di depressione psichica. I vapori sprigionati dagli oli essenziali vengono inalati per offrire benefici fisici e psicologici a tutto il corpo: oltre all’aroma che stimola il benessere del cervello, le sostanze inalate nei polmoni sono costituenti naturali che offrono un vero e proprio trattamento terapeutico all’organismo, facendo attenzione a seguire giusta la procedura al fine di evitare spiacevoli effetti collaterali. L’inalazione migliora la circolazione di tutto il corpo, aiutandolo a liberarsi di tossine ed inquinamento, rilassando gli apparati e scaricandoli dalla tensione accumulata durante il costante lavoro a cui è sottoposto.

Gli oli essenziali possono venire assorbiti dall’uomo essenzialmente attraverso due vie: quella esterna (inalazione, bagni, assorbimento epidermico, massaggi, ecc..) e quella interna (assunzione orale), entrambe da usare con cautela e sotto controllo di specialisti del settore.

A seconda delle loro potenzialità, gli olii essenziali esplicano il loro effetto attraverso 3 diverse frequenze d’azione energetica:

– Azione energetica alta (Nota di Testa) – Sono olii dalla profumazione intensa che agiscono con un’azione rapida; grazie alla loro vibrazione alta e fresca sono adatti alle attività concentrative, agiscono a livello spirituale ed eterico.

– Azione energetica media (Nota di Cuore) – Sono olii armonizzanti dall’aroma morbido e floreale. Agiscono sul livello emozionale, sono oli essenziali intensi e sensuali.

– Azione energetica bassa (Nota di Base) – Sono oli dall’azione rilassante e balsamica con aroma caldo, agiscono a livello fisico e la loro azione è prolungata nel tempo.

L’utilizzo delle essenze a bassi dosaggi, ad esempio tramite inalazioni odorose, necessita dell’aiuto sinergico di fattori esterni che facilitino uno stato rilassato della mente, un massaggio o un bagno sono momenti di relax in cui possono essere introdotte, con buoni risultati, le essenze profumate. Durante il massaggio, gli oli essenziali vengono assorbiti sia per via cutanea che per inalazione olfattiva, quindi si aggiungono dei livelli di risposta fisiologica alla risposta di tipo olfattivo/emozionale. Le essenze con un profumo sgradevole sembrano non avere le stesse possibilità di accesso al sistema nervoso che hanno, invece, le essenze con un «buon profumo», in quanto il cervello cerca di escludere i «cattivi odori». Olii essenziali come la valeriana o asafetida (notoriamente sgradevoli) non sono adatti per un profumo anti-stress o un olio da massaggio rilassante, anche se, assunti per via orale, hanno effetti sedativi. L’assorbimento degli olii essenziali attraverso la pelle è stato ampiamente dimostrato. Per essere utilizzati durante il massaggio, gli oli essenziali vengono diluiti in una quantità variabile di olio vegetale (come l’olio di mandorla o di jojoba, ecc.). Bassi dosaggi di oli essenziali possono dare effetti opposti a quelli ottenuti con dosaggi più alti, per cui un olio può risultare stimolante a bassi dosaggi e sedativo con dosaggi più elevati, o viceversa.

Le attività e le indicazioni degli olii essenziali sono molteplici:

  • infezioni cutanee e delle mucose
  • infezioni del tratto gastrointestinale
  • infezioni e disturbi catarrali delle prime vie respiratorie
  • spasmi della muscolatura liscia gastrointestinale
  • gonfiore addominale
  • dispepsia iposecretoria
  • condizioni nelle quali una stimolazione della perfusione ematica sia indicata (disordini reumatici ed artrosici, uso esterno)
  • modulazione dell’umore

Principali olii essenziali:

  • Lavandula
  • Melaleuca
  • Rosmarino
  • Salvia sclarea
  • Eucalipto
  • Geranio
  • Limone
  • Menta piperita
  • Ylang ylang
  • Camomilla e Chamaemelum nobile
  • Incenso
  • Rosa
  • Sandalo
  • Bergamotto

metti un MI PIACE