leggiamo le carte da generazioni...

Chiromanzia

#CARTOMANZIACHIAMA LE NOSTRE ESPERTE 899 48 45 40

oppure con carta di credito chiama,

075.630.85.06 o 02.94.44.75.15

La parola chiromanzia deriva dal greco χειρομαντεία (cheiromantéia) , composto da χείρ (chéir), “mano” e μαντεία (mantéia) “divinazione”  La chiromanzia è l’arte di descrivere la personalità e prevedere il destino di un individuo, attraverso lo studio del palmo della sua mano.

La chiromanzia affonda le sue origini nell’astrologia indiana di cui era una disciplina. Un libro sulla chiromanzia, oggi perduto, risale a più di 5000 anni fa. Intorno al 3000 a.C. l’arte della lettura della mano si diffuse in Cina; successivamente raggiunse Tibet, Egitto, Persia e si sviluppò in Grecia, dove fu praticata anche dal filosofo Anassagora. Lo sviluppo in epoca classica ha lasciato tracce nella terminologia, che indica alcune parti del palmo e della mano, usando i nomi degli antichi Dei greci e romani.

Una testimonianza dell’antichità di questa scienza lo troviamo perfino nella Bibbia e precisamente dal libro di Giobbe: (Deus – ndr) «qui in manu omnium hominum signat ut noverint singuli opera sua». (Dio – ndr) «nella mano di ogni uomo pone un segno affinché ognuno conosca le opere sue» (Giobbe 37,7).

Nel Rinascimento la chiromanzia fu oggetto di studio di grandi personaggi quali Paracelso, Cardano e Agrippa. Quest’ultimo nel suo «De Occulta Philosofia», scrive «Il volto, i gesti, i movimenti, gli atteggiamenti del corpo, cose tutte che ci sono largite dall’alto.(…) Il Cosmo (e quindi l’influsso astrologico) non solo conferisce le caratteristiche che contraddistinguono ogni singolo uomo, ma determina anche le linee della mano,
attraverso le quali si possono interpretare le influenze celesti «agenti», ossia che determinano la cosìddetta «personalità», ma anche il «destino».

Il momento migliore per leggere la mano è la mattina poiché l’atmosfera luminosa permette di individuare con precisione i dettagli della mano, oltre al fatto che l’attenzione e la capacità di osservazione risultano maggiori.

Una lettura completa deve integrare sia la mano destra, che quella sinistra, in quanto comportano interpretazioni in parte differenziate.

La mano sinistra si può definire passiva: registra piuttosto rigidamente i caratteri ereditari, cioé la natura innata dalla quale in parte dipende il cosiddetto destino. Nella mano sinistra si trova l’influenza della famiglia e dove stiamo andando, cioè che strada stiamo prendendo nella nostra vita, nonchè gli avvenimenti futuri.

La mano destra si può definire attiva: rivela le possibilità di intervento della volontà per trasformare le predisposizioni annunciate dalla mano sinistra. Nella mano destra troviamo gli avvenimenti passati, come una malattia seria, oppure una rottura sentimentale molto forte, come la fine di un matrimonio. La mano destra ci mostra anche il comportamento che assumiamo attualmente, cosa stiamo facendo della nostra vita.

La lettura della mano viene preceduta dall’analisi di 3 elementi base: la forma, i monti, le dita.

LE FORME DELLA MANO: Vi sono due classificazioni di base: la prima classificazione è quella di Carl Carus, fisiologo tedesco (1789 –1869) che ne distingueva quattro tipi:

– La mano elementare: la mano in questo caso è grossa e tozza, si riferisce ad una personalità semplice, tipica di chi si dedica a lavori manuali.

– La mano motorica: mano flessuosa e sinuosa, da collegare a persone estroverse e dinamiche.

– La mano sensibile: sinuosa anch’essa, ma piccola e senza forza.

– La mano psichica: presenta dita affusolate e lunghe, indice di persone sensibili che non riescono a mantenere il contatto con la realtà.

La seconda classificazione è quella del chiromante francese Casimir D’Arpentigny,(1798 – 1860) e prevede sette tipi:

 – La mano elementarepresenta le stesse caratteristiche della mano di Carus.

– La mano quadrata, o utile la forma delle dita e delle unghie risulta quadrata. Il palmo è piuttosto grosso, ma allo stesso tempo agile. È la mano di chi possiede una personalità metodica e tenace. Tuttavia risulta essere una persona irascibile e spesso aggressiva.

La mano a spatola, o attiva /nervosa – mano più tozza della precedente, ha le estremità arrotondate e presenta un aspetto piuttosto contorto. Essa è presente in persone attive e piene di energie, però incostanti e inconcludenti.

La mano filosofica, o nodosaè la cosiddetta mano filosofica e appartiene a soggetti naturalmente predisposti alla meditazione e alla riflessione. Sono persone intuitive e con uno spiccato senso della giustizia. La mano è caratterizzata dalla “nodosità”.

– La mano conica, o artisticadi forma conica, piuttosto grande, con il palmo  proporzionato alle dita: è la mano artistica, il pollice è molto lungo, indice di sensibilità verso la bellezza.

– La mano psichica, o idealista: molto affusolata, con dita lunghe che terminano assottigliandosi. Coloro che la possiedono sono degli inguaribili idealisti, incapaci di accettare una realtà diversa dai loro ideali.

– La mano mistaesiste per una pura natura logica, molto spesso si presenta come un insieme delle altre tipologie, con caratteristiche comuni a più tipi, perciò appare evidente che anche la personalità è da ricavare in base agli aspetti che prevalgono.

Le dita: Come i monti, anche esse prendono il nome dai pianeti.

Il dito Medio, quello più lungo degli altri, è attribuito a Saturno e rappresenta il cosiddetto «Fato». Seguendolo verso il basso, si troverà un solco verticale che è detto «linea di Saturno» o «linea del Fato», che attraversa tutta la mano.

L’Anulare appartiene ad Apollo (e quindi al Sole), e rappresenta l’Arte e la Fortuna. Il suo sviluppo indica le qualità emotive della persona.

Il mignolo appartiene al dio Mercurio e rappresenta la Scienza, l’Intelligenza, l’attitudine al Commercio, l’Eloquenza.  Se è molto separato dagli altri, indica difficoltà ad interagire con gli altri; se è lungo, indica un intelletto potente.

l’Indice appartiene a Giove e indica l’ambizione materiale in qualsiasi forma si presenti.

Il pollice appartiene all’Uomo stesso e rappresenta la sua volontà, la logica e il coraggio specifico.

metti un MI PIACE