leggiamo le carte da generazioni...

I Fiori di Bach

#CARTOMANZIACHIAMA LE NOSTRE ESPERTE 899 48 45 40

oppure con carta di credito chiama,

075.630.85.06 o 02.94.44.75.15

I fiori di Bach sono una serie di 38 essenze naturali (più un composto, il Rescue Remedy), che comprendono la scala di 38 schemi comportamentali negativi archetipici e universali della natura umana, che non dipendono dall’età, nè dal sesso o dalla razza. Il campo su cui maggiormente agiscono i Fiori di Bach è quello dell’emotività e degli stati d’animo, ma certamente, come la medicina psicosomatica insegna, la mente non è staccata dal corpo, e ciò che si mostra a livello mentale, ha un significato ed un’influenza anche sul piano fisico. Gli stati d’animo negativi ostacolano la nostra ristrutturazione spirituale, la purificazione e lo sviluppo equilibrato e consapevole della personalità. La malattia organica, secondo Bach, nascerebbe dal conflitto che può scatenarsi quando la personalità non vive in equilibrio col proprio essere e genera uno squilibrio nel campo energetico dell’individuo. I disturbi emozionali precedono quelli fisici, perciò osservando e conoscendo l’aspetto emotivo e mentale, si può correggere anche ciò che succede nel fisico.

L’efficacia  e l’indicazione terapeutica dei fiori di Bach non si basa sul concetto dei principi attivi presenti nel fiore da un punto di vista chimico – fisico, ma piuttosto su quello dei principi energetici che ogni pianta possiede. I vecchi erboristi dei secoli passati, non avendo a disposizione laboratori per la ricerca di elementi e sostanze presenti nella pianta, si basavano sull’intuito e sulla loro capacità di entrare in contatto con la natura stessa: a seconda della forma, del colore e delle particolarità di ogni pianta, ne capivano il campo di utilizzo. Le proprietà delle erbe tramandate dai “semplici” sono poi state confermate dagli attuali studi scientifici.

 I fiori di Bach sono generalmente fiori, arbusti, cespugli spontanei e non coltivati, di aspetto modesto e non destinati all’alimentazione umana. Si raccolgono in luoghi non contaminati e allo stato selvatico, in caso contrario perderebbero le loro proprietà guaritrici. La loro azione è rivolta alla psiche: con la loro caratteristica di sprigionare energie, possono agire, con un processo naturale, sul nostro sistema energetico, favorendo la comunicazione con la nostra spiritualità, arricchendola delle virtù di cui abbiamo bisogno e purificando le alterazioni caratteriali che sono la causa delle nostre sofferenze. La vera guarigione si ottiene solo attraverso la pace e l’armonioso equilibrio del nostro essere. Con la floriterapia gli stati d’animo vengono inondati da vibrazioni energetiche armoniche superiori, annullando il conflitto tra le aspirazioni dell’anima e i desideri della personalità. I sette passi che portano alla guarigione, in ordine sono: pace, speranza, gioia, fede, certezza, saggezza, amore.

I rimedi di Bach non hanno bisogno di lunghi periodi di terapia e quando sono bene scelti,  agiscono rapidamente: Generalmente è sconsigliabile usare troppe miscele di fiori ( di regola ne sono sufficienti 4-7), poiché se ne riduce considerevolmente l’efficacia; conviene piuttosto somministrare un fiore per volta, sinché i sintomi mentali non mutano, e solo allora se ne usa un altro corrispondente alla nuova situazione.

Bach riunisce i 38 fiori selezionati in sette gruppi, che corrispondono a modi diversi di porsi nei confronti di se stessi, degli altri e, più in generale, della realtà: paura, incertezza, mancanza d’interesse per il presente, solitudine, ipersensibilità alle influenze ed alle idee, scoraggiamento e disperazione, preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri.

I rimedi floreali si dividono in “rimedi tipologici” e “rimedi d’aiuto” o “complementari”.

I rimedi tipologici sono quelli che si applicano alla costituzione e allo specifico temperamento della persona. I rimedi complementari si prescrivono in situazioni di disagio momentaneo, a seconda dell’umore e delle emozioni del paziente in un determinato momento. Bisogna fare attenzione alla fluidità dei vari stati d’animo che cambiano continuamente, e imparare a esaminarli con delicatezza, senza però cadere nella tentazione di auto-medicarsi: la scelta sbagliata dei rimedi floreali può portare a effetti deludenti e pregiudizi affrettati sulla terapia stessa. La diagnostica è un processo molto fine, richiede colloqui approfonditi e una completa sincerità da parte del paziente che non deve mentire a se stesso e al terapeuta, allontanando la guarigione e cronicizzando le sue tendenze caratteriali negative. L’esperto agirà con dedizione, attenzione e in un clima di fiducia, aiutando la persona a interpretare le sue emozioni e i suoi pensieri, individuando gli stati mentali negativi da cui derivano i suoi disturbi organici, aiutandolo a riconoscere la sua malattia come parte legittima della personalità e ad assumersene interiormente la responsabilità, senza condannare. Si deve aspirare a un cambiamento consapevole, attraverso piccoli e graduali progressi che iniziano dall’umore, fino a un benessere completo. Dopo la crisi di consapevolezza, bisogna attendere il processo di purificazione e chiarificazione con interesse e amore, in tal modo la personalità si affinerà sempre di più con un atteggiamento positivo di fondo. Con i fiori di Bach è la natura stessa che agisce e conduce ad un’ armonizzazione graduale della personalità. Le persone che sono più aperte e interessate al mondo spirituale, reagiscono ai fiori più rapidamente di quelle che rifiutano tali pensieri e che preferiscono far tacere il proprio Io superiore, magari perchè tendono a reprimere o a negare i loro problemi.

Le indicazione dei fiori di Bach sono varie e conseguenti nelle loro molteplici applicazioni. Sono molto consigliati per le crisi d’ansia, depressioni di lieve- moderata entità, fobie, insonnia e disturbi psicosomatici. E’ interessante il loro utilizzo e la loro efficacia nel riequilibrare disagi e sentimenti reattivi ad importanti patologie come l’ictus, il cancro, l’Aids. Negli ultimi anni si stanno scoprendo molte applicazioni di natura prettamente fisica nell’utilizzo dei rimedi floreali nella terapia del dolore, delle reazioni allergiche, delle infiammazioni e altro ancora.

Fiori di Bach : Le divisioni –

12 guaritori + 7 aiuti + 19 altri rimedi

I 12 GUARITORI

  1. Agrimony
  2. Centaury
  3. Cerato
  4. Chicory
  5. Clematis
  6. Gentian
  7. Impatiens
  8. Mimulus
  9. Rock Rose
  10. Scleranthus
  11. Vervain
  12. Water Violet

I 7 AIUTI

 

  1. Gorse
  2. Heather
  3. Oak
  4. Olive
  5. Rock water
  6. Vine
  7. Wild oat

I 19 ALTRI RIMEDI

  1. Aspen
  2. Beech
  3. Cherry Plum
  4. Chestnut Bud
  5. Crab apple
  6. Elm
  7. Holly
  8. Honeysuckle
  9. Hornbeam
  10. Larch
  11. Mustard
  12. Pine
  13. Red Chestnut
  14. Star of Bethlehem
  15. Sweet Chestnut
  16. Walnut
  17. White chestnut
  18. Wild rose
  19. Willow

Bach decide di dividere i fiori rispetto agli stati di animo o condizionamenti che possono raggrupparli. Ecco la divisione dei fiori in 7 gruppi, con il nome inglese, italiano e latino:

I rimedi di Bach divisi per categorie

Categoria 1 = Paura

  • 1) Rock Rose, Eliantemo, Helianthenum nummularium;
  • 2) Mimulus, Mimmolo, Mimulus gattatus;
  • 3) Cherry Plum, Viscida, Prunus cerasifera;
  • 4) Aspen, Pioppo, Populus tremula;
  • 5) Red chestnut, Castagno rosso, Aesculus carnea.

Categoria 2 = Incertezza

  • 1) Cerato, Piombaggine, Ceratostigma wilmottiana;
  • 2) Scleranthus, Scleranto, Scleranthus annuus;
  • 3) Gentian, Genziana, Gentiana amarella;
  • 4) Gorse, Ginestra, Ulex europeus;
  • 5) Hornbeam, Carpine, Carpinus betulus;
  • 6) Wild Oat, Avena selvatica, Bromus ramosus

Categoria 3 = Alienazione ovvero insufficienza di interesse per il presente

  • 1) Clematis, Clematide, Clematis vitalba;
  • 2) Honeysuckie, Caprifoglio, Lonicera caprifolium;
  • 3) Wild Rose, Rosa selvatica o canina, Rosa canina;
  • 4) Olive, Olivo, Olea europea;
  • 5) White Chestnut, Castagno bianco, Aesculus hippocastanum;
  • 6) Mustard, Senape, Sinapis arvensis;
  • 7) Chestnut Bud, Gemma di castagno, Gemma castaneae.

Categoria 4 = Solitudine

  • 1) Water Violet, Violetta d’acqua, Hottonia palustris;
  • 2) Impatiens, Impatiens, Impatiens glandulifera;
  • 3) Heather, Erica, Calluna vulgaris.

Categoria 5 = Ipersensibilità alle influenze e alle idee

  • 1) Agrimony, Agrimonia, Agrimonia eupatoria;
  • 2) Centaury, Centaurea, Centaurium umbellatum;
  • 3) Walnut, Noce, Juglans regia;
  • 4) Holly, Agrifoglio, Ilex aquifolium

Categoria 6= Scoraggiamento

  • 1) Larch, Larice, Larix decidua;
  • 2) Fine, Pino silvestre, Pinus silvestris;
  • 3) Elm, Olmo, Ulmus procera;
  • 4) Sweet Chestnut, Castagno dolce, Castanea sativa;
  • 5) Star of Bethlehem, Stella di Betiemme, Ornithogalum umbellatum;
  • 6) Willow, Salice, Salix Vitellina;
  • 7) Oak, Quercia, Quercus robur;
  • 8) Crab Apple, Melo selvatico, Malus pumila.

Categoria 7 = Eccessiva attenzione per gli altri

  • 1) Chicory, Cicoria, Cichorium inthibus;
  • 2) Vervain, Verbena, Verbena officinalis;
  • 3) Vine, Vite, Vitis vinifera;
  • 4) Beech, Faggio, Fagus sylvatica;
  • 5) Rock Water, Acqua di roccia, Aqua petra

Rescue Remedy –  Chiamato anche “ rimedio di emergenza” o “rimedio n.39”, il Rescue Remedy è una miscela di cinque fiori (Clematis, Impatiens, Rock Rose, Cherry Plum e Star of bethelhem), che può essere usato con un effetto calmante immediato in ogni situazione di stress, o quando si ha bisogno di aiuto, se sopraffatti da una varietà di emozioni o di problemi comportamentali quali: paure, stress momentanei,stati d’ansia improvvisi dovuti da piccoli incidenti o cattive notizie. Il Rescue Remedy non sostituisce la terapia individuale personalizzata con i fiori di Bach, ma può costituirne al limite una fase preliminare. Non è un rimedio da usare in modo regolare, bensì una misura d’urgenza che aiuta a ristabilire in breve tempo l’equilibrio psico-fisico.

L’assunzione di questo meraviglioso rimedio consiste nel mettere 4 gocce di Rescue Remedy in un bicchiere d’acqua: all’inizio si beve a piccoli sorsi ravvicinati (anche ogni 2 o 3 minuti), poi mano a mano che i sintomi si attenuano, si diminuisce il numero delle assunzioni. Nei casi in cui non si abbia il tempo o l’opportunità di prendere un bicchiere d’acqua, si possono assumere 4 gocce del rimedio puro direttamente sotto la lingua.

Servizio di Cartomanzia vietato ai minori di 18 anni – no erotico- offerto da I Cartomanti d’Italia – MN

Powered by CNS Comunicazione – P.I. 02029370422

metti un MI PIACE