leggiamo le carte da generazioni...

L’Ematite

Energia: proiettiva

Pianeta: Marte-Saturno
Elemento: Fuoco – Terra

Poteri: guarigione, benessere, divinazione

L’Ematite è una pietra pesante e compatta, composta prevalentemente da ossido di ferro, dal colore grigio scuro o nerastro, con lucentezza metallica e senza trasparenza. L’ematite è frequentemente ospitata come inclusione in diverse gemme, tra cui lo smeraldo e il rubino, sotto forma di piccoli cristalli lamellari. Osservata con strumenti appropriati o sfregata su un pezzo di porcellana porosa, l’ematite mostra il suo vero colore: il rosso. Il suo nome deriva infatti dalla parola greca “aima-tos” che significa “pietra di sangue”, anche a causa del fatto che l’acqua, a contatto con il minerale, diventa rossa.

Tutte le nozioni terapeutiche e magiche della pietra che sono arrivate fino a noi, sono quelle relative all’eliotropio, in quanto gli antichi parlavano dell’ematite riferendosi  all’eliotropio, pietra simile come colore e durezza.

L’utilizzo di questo minerale, sin dai tempi dell’antico Egitto, è sempre stato legato alle sue proprietà terapeutiche e magiche. Gli antichi Greci ritenevano che l’ematite fosse il sangue della terra solidificato.
Molti popoli delle antiche civiltà affacciate sul Mediterraneo, consideravano l’ematite un potente protettore durante le battaglie: veniva infatti collocata sui feriti in battaglia, per togliere loro il dolore, accelerare la coagulazione e fermare le emorragie. Presso le legioni Romane era consuetudine schiacciare l’ematite e strofinarne la polvere sul corpo, credendo che questo avrebbe dato coraggio, forza e invulnerabilità in battaglia. Nel Medioevo, durante un lutto,

era consuetudine indossare gioielli di ematite, per trarne forza, consolazione e vigore.

Fino al secolo scorso, veniva consigliata come altri materiali ferrosi, nei casi di anemia e di altre malattie del sangue.

In Cristalloterapia l’ematite ha un effetto positivo sulla circolazione sanguigna, riattiva il fegato e la milza, aumenta la resistenza allo stress. E’ utile nelle infezioni del sangue, depurando l’organismo e facendo circolare ossigeno nel corpo. E’ indicata per le anemie, nella cura delle malattie veneree, in caso di dismenorrea e durante periodi critici come convalescenza, gravidanza e allattamento. Tra le  sue proprietà curative, c’è quella di alleviare il dolore: il miglior modo di trarre benefici da questa pietra, è quello di utilizzarla sotto forma di sfera, basta metterla nella zona dolorante e la sensazione di sollievo sarà molto rapida. Per la sua prerogativa di mantenere il contatto con la realtà e di attivare lucidità mentale, è indicata in caso di psicosi e fobie isteriche, crea organizzazione e concentrazione mentale, aiutando a potenziare il pensiero logico e razionale. Applicata con un cerotto alla base della colonna, dà sollievo in caso di emorroidi. L’ematite agisce sul I Chakra, Muladhara, situato alla base della colonna vertebrale, dove c’è l’energia che nutre tutto ciò che deve essere realizzato. Aiuta a combattere l’insonnia e, secondo recenti studi,  previene la formazione di tumori.

L’ematite è una pietra molto energetica e rivitalizzante, capace di aumentare il magnetismo personale, attivando coraggio e volontà. E’ considerata appartenente all’elemento Terra, rappresenta la “luce manifesta”, ha il potere di trasportare l’energia data dalla luce. La pietra aiuta a spostare le frequenze superiori dell’energia spirituale sul piano terreno, radicando quell’energia nel corpo fisico e nella materia fisica: agisce come regolatore di energia, attraendola ed equilibrandola quando è necessario. In mancanza di energia, attraverso le sue frequenze si instaura il collegamento con la Madre Terra che permette di potenziare le scarse riserve. Se invece c’è eccesso di energia, attraverso l’ematite tale eccesso lo si potrà restituire alla Terra, in modo che possa essere usato altrove.

Il livello vibrazionale dell’Ematite non è molto spirituale, ma la sua azione è diretta principalmente al nostro corpo fisico: organizza le nostre energie come un guerriero che si prepara a combattere.

E’ simbolo di chiarezza e lealtà, alimenta il senso pratico e la capacità di scelta.. Si rivela particolarmente utile  quando siamo assaliti da confusione e non riusciamo a organizzare e  concretizzare le idee. E’ un’ottima pietra di radicamento, rafforza il corpo, migliora la resistenza alle sollecitazioni emotive e aiuta a sopportare prove e vicissitudini della vita. L’ematite dà un’energia particolare, ordine mentale e autocontrollo più di altre pietre che contengono ferro come l’ametista o il granato. Essendo così forte la carica fisica ed emozionale di questa pietra, non va utilizzata per un periodo prolungato: l’Ematite potrebbe soffocare il nostro aspetto più pacifico, rendendoci duri e irascibili.

L’Ematite possiede una curiosa proprietà: l’autoguarigione. Se proviamo a graffiare la sua superficie, vedremo che semplicemente passandoci sopra un dito, quel graffio sparirà. Per tale motivo la pietra è considerata molto potente nell’allontanare  le malattie e nel propiziare la guarigione. Nei rituali per la salute e il benessere, l’ematite è la pietra più indicata, specialmente se avvicinata ad una candela rossa: guardando i riflessi della fiamma sulla pietra, possiamo anche porre mentalmente delle domande e ci verrà presto data una risposta. Si consiglia di indossare l’ematite nella parte superiore del corpo, ad esempio come ciondolo o collana.

Servizio di Cartomanzia vietato ai minori di 18 anni – no erotico- offerto da I Cartomanti d’Italia – MN

Powered by CNS Comunicazione – P.I. 02029370422